fbpx
Area privata
Superbonus 110% - Articoli e approfondimenti

Come funziona la cessione del credito 2023 (e come evitare problemi)

24/01/2023
FV
Fabio Vidotto
Cessione del credito 2023: come funziona e come sfruttarla per i Bonus Edilizi _ DetrazioniFacili.it

Cessione del credito 2023: cosa succederà con l’allentamento delle misure del Decreto Aiuti quater convertito in legge? 

E sì, è stato previsto un allentamento delle misure! Ma basterà per far ripartire il mercato dei crediti e per dare un nuovo slancio alle misure alternative alla detrazione diretta previste per i Bonus Edilizia? 

Difficile rispondere. Purtroppo, non ho la sfera di cristallo. 

Ma con questo breve articolo posso aiutarti a comprendere il nuovo meccanismo della cessione del credito 2023 e fornirti la soluzione “a misura di cantiere” per ottenere il massimo dai Bonus per l’edilizia senza rischi e senza stress. 

Quindi, concentriamoci sulle novità alla luce della nuova Legge di Bilancio e del Decreto Aiuti quater, convertito convertito in legge con modificazioni dalla L. 13 gennaio 2023, n. 6, e su come sfruttare la cessione del credito 2023 (e lo sconto in fattura!) con un servizio esclusivo. 

La cessione del credito 2023 modificata per rilanciare i Bonus

Superbonus, Ecobonus, Sismabonus e Bonus Ristrutturazione: le modifiche alla disciplina delle cessioni dei crediti interessano tutti i principali Bonus del mondo dell’edilizia.

E dalla stretta sulle cessioni, per mettere i bastoni tra le ruote ai tanti furbetti dei Bonus che hanno fatto “carte false” per approfittare degli incentivi, come anticipato, si passa ad un allentamento delle misure. 

La cessione del credito 2023 cambia ancora. 

In breve, con il Decreto Aiuti quater il numero massimo di cessioni passa da 4 a 5, con l’ulteriore passaggio tra banche e “soggetti qualificati”. Si fa quindi un passo in avanti rispetto alla precedente disciplina che limitava la circolazione del credito che era stata prevista per tenerne meglio traccia per i controlli successivi (limitazioni che unite al nodo delle responsabilità tra cedente e cessionario avevano portato molti operatori finanziari a non acquistare più i crediti). 

Ma come funziona la cessione del credito 2023 (nel dettaglio) e come muoversi per evitare di restare impantanati con la monetizzazione dei crediti maturati? 

Concentriamoci prima sulle novità.

Cessione del credito 2023, sconto in fattura e Sal: ecco come stanno le cose e cosa è richiesto in prima battuta

Vado dritto al punto. 

Sia nel caso di cessione indiretta (impresa che effettua uno sconto immediato in fattura) che di cessione diretta (contribuente che matura il credito d’imposta), il nuovo meccanismo prevede: 

  • una prima cessione del credito “libera” nei confronti di chiunque voglia acquistare il credito; 
  • 3 cessioni “qualificate” tra banche e intermediari finanziari;
  • ulteriore cessione che le banche possono effettuare nei confronti di clienti professionali e correntisti con P.IVA (ma senza facoltà di ulteriore cessione!).

E arrivati a questo punto, è importante sottolineare che l’opzione può essere esercitata in relazione a qualsiasi Stato di Avanzamento Lavori (Sal), che però non possono essere più di 2 per ogni intervento complessivo e che devono riferirsi, considerati singolarmente, almeno al 30% dello stesso intervento di ristrutturazione o riqualificazione energetica. 

Per beneficiare della cessione del credito 2023 e dello sconto in fattura, il contribuente deve richiedere il visto di conformità per verificare che sia “tutto OK!”, cioè di avere tutti i requisiti per ottenere cessione in base a quanto stabilito dalla vigente normativa. Mentre i tecnici abilitati devono asseverare la congruità delle spese sostenute per portare a termine gli interventi. 

A cosa serve il Codice Identificativo Univoco per la cessione del credito? 

Un altro aspetto da mettere in evidenza è questo: i crediti derivanti dall’esercizio delle opzioni non possono formare oggetto di cessioni parziali successivamente alla prima comunicazione dell’opzione all’Agenzia delle Entrate. 

Proprio per questo motivo, è stato prevista l’attribuzione di un Codice Identificativo Univoco da indicare nelle comunicazioni delle (eventuali) successive cessioni. 

Occhio ai requisiti!

Cosa si rischia con la cessione del credito 2023? 

Niente, se le “cose sono fatte bene”.

Quello che ho notato negli ultimi anni, è che tutti i soggetti coinvolti in ristrutturazioni e riqualificazioni con i nuovi Bonus, e mi riferisco a privati e “addetti ai lavori”, hanno paura. 

Di cosa? 

Di ritrovarsi in spiacevoli situazioni: cantieri e crediti bloccati.

Ma se le “cose sono fatte bene”, seguendo passo passo quanto richiesto dalla legge, e con il supporto di professionisti qualificati in grado di gestire ogni aspetto fiscale del progetto – nel prossimo paragrafo trovi una soluzione a misura delle tue esigenze! – non c’è da preoccuparsi. 

In caso contrario…

qualora sia accertata la mancata sussistenza, anche parziale, dei requisiti che danno diritto alla detrazione d’imposta, l’Agenzia delle entrate provvede al recupero dell’importo corrispondente alla detrazione non spettante nei confronti dei soggetti che hanno maturato la detrazione.

Il recupero dell’importo è effettuato nei confronti del beneficiario della detrazione, ma in presenza di concorso nella violazione con dolo o colpa grave, sono responsabili in solido anche il fornitore che ha applicato lo sconto e i vari cessionari. 

Ora, passiamo al “pacchetto chiavi in mano per i Bonus Edilizia”. 

Come sfruttare la cessione del credito 2023 e ottenere il massimo dagli incentivi statali senza problemi prima, durante e dopo i lavori? La soluzioni è qui

Le “novità” che hanno a che fare con la cessione del credito sappiamo bene che, se non interpretate nel modo giusto, possono facilmente diventare problemi. 

E poi, come dico sempre, se ad ogni “novità” in arrivo non si risponde con un approccio strategico e organizzato, trovarsi faccia a faccia con il Fisco non è ipotesi remota. 

Ma la soluzione per sfruttare i nuovi bonus in totale sicurezza con la cessione del credito o lo sconto in fattura e senza avere brutte sorprese è proprio qui: 

puoi avere dalla tua parte un team di tecnici esperti e consulenti qualificati, la possibilità di confrontarti con altri professionisti che parlano la tua stessa lingua e appoggiarti a importanti Partner di livello nazionale per ottenere il massimo dalle detrazioni fiscali per te e per i tuoi clienti. 

In che modo?

Entrando nella Rete DetrazioniFacili.it

Se sei un professionista e vuoi ottenere il massimo dagli incentivi per te e per i tuoi clienti puoi beneficiare di un servizio di FORMAZIONE e ASSISTENZA ESCLUSIVA: 

  1. ti garantiamo costante formazione per fare sempre la scelta giusta, per non avere problemi tecnici e fiscali; 
  2. mettiamo al tuo fianco consulenti esperti che ti aiuteranno a superare tutti gli ostacoli per ottenere il massimo dagli incentivi e dai crediti d’imposta;
  3. ti mettiamo nelle condizioni di poter condividere informazioni, pareri, idee e suggerimenti con colleghi che guardano nella tua stessa direzione, con la consapevolezza di far parte di un’unica squadra pronta a tutto;
  4. ti aiutiamo a gestire correttamente tutta la procedura per monetizzare il credito d’imposta e utilizzare le specifiche piattaforme per caricare la documentazione per accedere al credito. Inoltre, avrai dalla tua parte Esco e General Contractor per ottimizzare tempi e costi di ogni progetto.

Tutto quello che devi fare è CLICCARE QUI

Scoprirai come entrare nella Rete DetrazioniFacili.it e avere in tutta Italia un servizio di Formazione e Assistenza Esclusiva che ha aiutato già tante imprese e tanti professionisti a chiudere con successo importanti progetti con i nuovi bonus.

Oppure chiama subito il Numero Verde DetrazioniFacili.it 800-481.110

Sei un privato? 

Se vuoi avere la garanzia del risultato per il tuo Superbonus o per lavori con altri Bonus, dal punto di vista tecnico e fiscale (senza mai trovarti faccia a faccia con il Fisco!), con soluzioni a misura delle tue esigenze e consulenti qualificati sempre al tuo fianco, CLICCA QUI.

Vuoi farlo leggere anche ai tuoi amici? Condividilo!

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi accedere ad altri contenuti Premium?
Iscriviti e aumenta il tuo valore come professionista!

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sui nuovi articoli e novità sulle detrazioni fiscali.